Excite

Valentino: la biografia

Valentino Clemente Ludovico Garavani, in arte solo e semplicemente Valentino, nasce l'11 maggio 1932 a Voghera. Dopo la licenza media si iscrive ad una scuola professionale di Figurino a Milano,iniziando a viaggiare spesso all'estero per allargare il suo orizzonte creativo. Studia il francese alla Berlitz School e poi si trasferisce per un lungo periodo a Parigi dove inizia a studiare anche a l'Ecole de La Chambre Syndacale.

Oltre alla moda Valentino coltiva anche altri interessi come la danza, prendendo lezioni dal maestro Violimin e da Vera Krilova. Tappa importantissima per la sua carriera di stilista è una vacanza a Barcellona, dove scopre il suo amore per il rosso ed elegge la tonalità cangiante fra l'arancio e il rosso fuoco, re della sua tavolozza di colori: nasce il famoso 'rosso Valentino'.

Negli anni '50 entra nella casa di moda parigina di Jean Dess dove inizia a conoscere donne importanti come la stessa regina Federica di Grecia Maria Felix. Nel 1954 collabora per la rubrica di moda della viscontessa Jacqueline de Ribes su un periodico femminile e lavora poi per molti anni nell'atelier di Guy Laroche, dove conosce altre donne importanti come Brigitte Bardot, Marie Hèléne Arnault, Jane Fonda e la mannequin-vedette Bettina.

A questo punto, forte dei successi e degli apprezzamenti ricevuti in questi anni, decide di aprire una propria sartoria grazie all'aiuto economico del padre: nasce il primo atelier Valentino, a Via Condotti, Roma.

Grazie alla collaborazione con il magazzino inglese Debenham & Freebody Valentino inizia la riproduzione in serie di alcuni modelli di Alta Moda e nel 1962 lancia la sua prima collezione 'Valentino prêt à porter' che sancisce il grande successo dello stilista italiano consacrato poi nella sfilata di Alta Moda a Palazzo Pitti, in cui la platea e i buyers internazionali acclamano a gran voce gli abiti della collezione autunno-inverno Valentino che sfilano in passerella. La fama di Valentino è ormai mondiale e l'edizione francese di Vogue gli dedica due pagine, subito seguita dai principali magazine americani. Sempre negli anni '60 visitano la maison Valentino di via Gregoriana a Roma personaggi di grande prestigio come la principessa Paola di Liegi, Jacqueline Kennedy e Jacqueline de Ribes e nel 1967 riceve in America il Neiman Marcus Award di Dallas, equivalente all'Oscar della Moda, e il Martha Award di Palm Beach.

Ancora nel 1967 presenta la prima collezione Valentino Uomo, ma sono gli abiti femminili il vero gioiello della maison; il Time e il Life gli dedicano la copertina, il pittore americano Andy Warhol esegue un suo ritratto, sfila per la prima volta a Parigi la sua collezione Boutique, e apre a New York altre tre boutique.

Negli anni '80 Franco Maria Ricci presenta il libro sulla vita e le opere dello stilista 'Valentino'; Valentino riceve in Campidoglio il premio 'I sette re di Roma'e disegna le tute per gli atleti italiani in occasione delle Olimpiadi di Los Angeles. Nel 1984 Valentino riceve dal Ministro dell'Industria Altissimo una targa di riconoscimento in onore dei suoi primi 25 anni di moda, per 'l'importantissimo contributo dato alla moda e al costume'. E' inoltre invitato in visita ufficiale al Quirinale dal Presidente Pertini. Nel 1985 Valentino presenta l'Atelier delle Illusioni al Castello Sforzesco di Milano, una grande mostra con tutti i più importanti costumi di scena indossati al teatro della Scala dai più famosi cantanti per la regia di Giorgio Strehler. Il Presidente Sandro Pertini insigne Valentino dell'onorificenza di Grande Ufficiale dell'Ordine al Merito della Repubblica Italiana, mentre Cossiga lo nominerà Cavaliere di Gran Croce.

Alla fine degli anni '80 nasce a Roma 'l'Accademia Valentino' e apre a Los Angeles la più grande boutique Valentino: oltre mille metri quadrati che raccolgono tutte le linee create dallo stilista. Il 6 e il 7 giugno 1991 Valentino festeggia i suoi trent'anni di moda con la presentazione in Campidoglio di un cortometraggio sulla vita e l'opera del couturier 'Valentino' ed altri eventi mondani oltre che mostre e rassegne espositive. Tra queste da segnalare la mostra 'Trent'anni di Magia', allestita anche a New York, dove registra 70.000 visitatori in meno di due settimane.

Nel 1993 inaugura a Pechino la più importante manifestazione del tessile cinese. Valentino è ricevuto da Jiang Zemin, Presidente della Repubblica Cinese e dal Ministro dell'Industria Yu Wen Jing mentre a New York nove abiti disegnati da Valentino vengono scelti come opere simbolo per la mostra "Italian Metamorphosis 1943-68" allestita al Museo Guggenheim. Nel 1995 Firenze gli consegna il "Premio Speciale all'Arte nella Moda" e il sindaco annuncia ufficialmente che Valentino sarà il prestigioso padrino della futura biennale della moda nel 1996.

Nel 1998 la maison e il marchio Valentino vengono venduti alla tedesca Hdp per passare alla Marzotto nel 2002. Nel 2005 viene conferita a Valentino la Légion d'honneur dalla repubblica Francese e nel 2007 lo stilista dichiara che lascerà la casa Valentino Fashion Group a fine gennaio del 2008, organizzando una grande festa a Roma e una mostra retrospettiva all'interno dell'Ara Pacis. Attualmente il direttore creativo della maison Valentino è la stilista italiana Alessandra Facchinetti.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017