Excite

Tipi da spiaggia: slip, boxer o bermuda? A ogni fisico il suo costume

  • Facebook

Il mondo beachwear conquista sempre più terreno. E spiagge. Perché se fino a ieri erano soprattutto le donne a lasciarsi conquistare dalle nuove tendenze in fatto di abbigliamento da mare, anche tra le proposte for man, ormai, c’è un’ampissima scelta. C’erano una volta lo slip, il boxer e il bermuda: bastava puntare il dito verso il modello con cui ci si sentiva maggiormente a proprio agio, scegliere tonalità e, al massimo, la fantasia.

In realtà il modello del costume rivela molto di sé. È finito il tempo in cui lo slippino veniva scelto solo per nuotare comodamente. Perché le spiagge, molto spesso, si trasformano in passerelle a cielo aperto e tra i maschietti inizia una silente competizione. Dopo un inverno trascorso a sudare sul tapis roulant, le vacanze in riva al mare rappresentano il traguardo per sfoggiare mesi e mesi di sacrifici. Ed è lì che interviene anche la scelta del costume.

Sembra banale, in realtà, un modello più o meno aderente può valorizzare o meno la silhouette. Vale per le donne a cui tocca barcamenarsi tra bikini, pezzi interi, fasce e laccetti e vale per gli uomini. Come scegliere il costume più adatto al fisico? Innanzitutto partire dai colori. Soprattutto quando si tratta di slip: l’iconica mutandina bianca, tanto cara alle pubblicità di D&G, è ok soltanto se avete un fisico da modello di D&G. Stessa regola vale per i toni troppo accesi: se non siete pronti alla prova bronzo di Riace, meglio desistere. Lo slip, come d’altronde il boxer in lycra, richiede, oltre ad una certa tonicità, gambe dritte e pancia zero.

Zegna collezione mare: lo stile da spiaggia è classico ed essenziale

L’alternativa? Il bermuda. Negli ultimi tempi le forme si allungano virando verso il mondo del surf e del kite e cedendo a fantasie tropical. Attenzione però: la gamba del costume può allungarsi tanto quanti centimetri potete permettervi. Al di sotto del metro e 70 è sconsigliabile cedere ai bermuda che quasi sfiorano il polpaccio perché spezzano la figura anziché slanciarla. L’Estate 2015 è assolutamente retrò: via libera, allora, agli shorts anni Settanta, monocolor o a stampa, che donano a tutte le silhouette e le altezze.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017