Excite

Scamarcio e Accorsi per L'Uomo Vogue

Il numero di marzo de L'Uomo Vogue vuole, in qualche modo, rendere omaggio all'Italia. E lo vuole fare proprio nel mese dedicato ai festeggiamenti della sua Unità. Così in copertina mette due noti volti italiani, due simboli maschili possiamo dire. Stiamo parlando degli attori Riccardo Scamarcio e Stefano Accorsi.

Alcune immagini di Riccardo Scamarcio

L'attore Stefano Accorsi è immortalato da Paolo Roversi in completo scuro e camicia bianca, tutto di Ermenegildo Zegna. L'attore Riccardo Scamarcio, invece, è fotografato da Pierpaolo Ferrari e indossa giacca e pantaloni di Giorgio Armani.

Per questi scatti i due attori vestono abiti importanti, di due noti stilisti. L'azienda di abbigliamento maschile Ermenegildo Zegna nasce durante la seconda metà dell'Ottocento quando Angelo Zegna, orologiaio, decide di aprire un laboratorio tessile. Sarà poi l'ultimo dei suoi dieci figli, Ermenegildo Zegna appunto, a prendere in mano le sorti di quella che diventerà una delle realtà più note e dinamiche dell'imprenditoria familiare italiana. Obiettivo di Ermenegildo Zegna era produrre tessuti di alta qualità per abbigliamento maschile, selezionando le materie prime e importandole dall'Australia e dal Sud Africa. L'attuale presidente dell'azienda è Paolo Zegna.

L'avventura del celebre stilista Giorgio Armani inizia, invece, nel 1965 quando, mentre lavorava per La Rinascente, viene assunto da Nino Cerruti per ridisegnare la moda del marchio Hitman, confezione dei prodotti del Lanificio fratelli Cerruti. E' con il marchio di abbigliamento in pelle Sicons che il nome Giorgio Armani si affaccia per la prima volta direttamente nel panorama della moda. Nel 1974 nasce la linea Armani by Sicons e nel 1975 lo stilista decide di creare un marchio personale. In quell'anno Armani fonda la sua azienda e firma la sua prima collezione.

Foto: vogue.it

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2022