Excite

Paris Fashion Week: Louis Vuitton

Liberarsi dalla noia del minimalismo, dalla banalità di un lusso lineare, pulito, senza eccessi. E farlo attraverso il rilancio del camp, anche a costo di sembrare kitsch: questa la proposta di Marc Jacobs per la primavera estate 2011 di Louis Vuitton, 'andato a lezione' da Susan Sontag per proporre una nuova visione elitaria della moda che non ha paura di mostrarsi eccentrica, stravagante, oltremodo appariscente.

Le foto della sfilata primavera estate 2011 di Louis Vuitton

La passerella diventa un circo, con tanto di tigri-statua che ne presidiano l'ingresso, un vero circo della moda dove sfilano, uno dietro l'altro, outfit frutto di ispirazioni più diverse: dagli anni '20 allo stile orientale, passando per Art Deco e Art Nouveau, il tutto condito da ingredienti pop. Harem pants, abiti charleston, giacche a kimono, jumpsuit, gonne di pizzo e maxy cinture in lurex elasticizzato, con il logo Louis Vuitton che si reinventa ogni volta a seconda del tessuto o del materiale.

Le stampe animalier sono declinate in stile pop e tingono gli outfit finali, da sera, dove non manca l'abito fluido ad ali di farfalla visto in tante altre collezioni di questa P/E 2011. Anche Marc Jacobs, a modo suo, avrà voluto rendere omaggio al grande Yves Saint Laurent, per poi concludere in bellezza questa sfilata show di Louis Vuitton. Con Kristen McMenamy che entra in passerella a petto nudo, vestita solo di un bodypainting zebrato. Le borse, neanche a dirlo, si allineano al trend spregiudicato ed eccessivo, volutamente scenografico: tutte piccole e da portare a mani, di colori sgargianti. Poco comode, ma di sicuro impatto.

 (foto © LaPresse)

lui.excite.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle - Excite Network Copyright ©1995 - 2017