Excite

Mute antisqualo: dall'Australia due modelli sperimentali salva-surfisti

  • sharkmitigation.com

Buone notizie per gli amanti del surf: due businessmen australiani, Hamish Jolly e Craig Anderson, hanno infatti messo a punto una linea di mute che dovrebbe - il condizionale al momento è ancora d'obbligo - tenere alla larga gli squali. Partendo da un nuovo studio secondo il quale questi grandi predatori del mare sono daltonici e utilizzando strategie di mimesi naturale, la Shark Attack Mitigation Systems (SAMS) comprende infatti una serie di modelli che dovrebbe permettere ai surfisti di non essere visti o piuttosto di venire scambiati per prede velenose e dunque da non mangiare.

Be cool anche al mare con le tavole Evolution Surf Celebrity

Attualmente le mute in fase di testing sono due, Elude e Diverter, che riproducono rispettivamente un motivo mimetico - con strisce e disegni fiammati azzurro chiaro su azzurro scuro - e uno di righe a contrasto bianche e nere. Elude sfrutta il presunto daltonismo degli squali e in teoria (ma anche in pratica, si spera) impedisce ai predatori di vedere i surfisti, mentre Diverter funziona da repellente, imitando la livrea di alcune specie marine velenose e per questo considerate poco appetibili.

Testate su squali tigre (utilizzando dei manichini) entrambe hanno dato buoni risultati: immergendo una delle due mute speciali insieme a un'altra classica nera, il predatore attaccava infatti sempre e solo quest'ultima. La stessa positività, però, non si è registrata nel caso di squali bianchi: questi ultimi infatti colpiscono le prede dal basso e in una giornata scura il rischio è che la speciale livrea delle mute non si veda e i surfisti sembrino null'altro che sagome scure e potenziali pasti...

Il team di Jolly e Anderson, dunque, è alla ricerca di ulteriori soluzioni per rendere efficace al 100% le mute, dopo il mezzo flop del loro primo esperimento, la tuta Rash Guard, che imita disegni e colori del velenosissimo pesce leone. Se da un lato, infatti, teoricamente gli squali evitano questa preda, dall'altro - come ha dichiarato lo specialista di squali Bradley M. Wetherebee Bradley al National Geographic - è vero che i pesci leoni sono solitari e non nuotano mai insieme (mentre i surfisti spesso lo fanno) e che in molte zone dell'Australia per limitarli, dal momento che sono una specie invasiva, vengono utilizzati proprio per nutrire gli squali, che di conseguenza stanno iniziando ad apprezzarli...

lui.excite.it fa parte del Canale Blogo Lifestyle - Excite Network Copyright ©1995 - 2017