Excite

J.Crew sbarca in Italia or not?

Ci sono dei brand o dei marchi che ci si augura possano presto sbarcare in Italia, che nonostante sia veramente la culla della moda come anche la Francia a volte manca di alcuni tips o diciamo meglio consigli per gli acquisti che arrivano da fuori anche da oltre oceano talvolta. Si dice che se gli europei hanno inventato l’eleganza, in termini di abbigliamento, gli americani hanno inventato il casualwear. Verità o luogo comune? La risposta non è così semplice forse come la domanda. Forse sarebbe meglio dire che esiste casual e casual come anche una presunta elegance e la vera elegance.

Foto l'artigianalità italiana apprezzata da tutti

J.Crew marchio, fondato a New York da Mitchell Cinader, è sicuramente un ottimo esempio di uno stile molto american con indubbi riferimenti al preppy style, tanto amato da Thom Browne, ma che non rinuncia alla qualità e anche a capi classici facendo grande attenzione alla sartorialità, alla cura dei dettagli e dei filati che vengono usati per realizzare capi sia per lui che per lei che strizzano l’occhio alla contemporaneità ma che in fondo sono rivolti al passato o al futuro.

Al momento non esistono shop o stores J.Crew nel Bel Paese ma il brand dopo aver aperto numerosiflagship stores in patria e in Giappone punta dritto all’Europa per espandersi e farsi apprezzare da un pubblico che sempre più vuole sobrietà ma rivisitata. Il mini documentario realizzato da Douglas Kave "J.Crew goes to Italy” fa ben sperare sicuramente tutti i fashion victim giramondo, che nella penisola tricolore, desiderano una ventata di novità ma classic. E così vediamo la creative director Jenna Lyons e il suo staff girare in Italia tra Firenze e l’entroterra comasco alla scoperta dell’artigianalità di artisti dell’abbigliamento forse sconosciuti anche agli stessi italians, troppo presi a volte dalle mode del momento per ricordarsi di avere in casa tra le migliori manifatture del globo.

foto: jcrew.com

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2022