Excite

Giorgio Armani contro le banche

  • Foto:
  • vanityfair.it

Giorgio Armani non a caso viene soprannominato "Re", perché rimanere per molti anni sempre al vertice della moda senza mai perdere il proprio stile e scendere a compromessi con le proprie convinzioni non è da tutti. E’ vero lo stilista d origini piacentine si è aperto a nuovi orizzonti firmando e realizzando una serie di hotel che portano il suo nome da Dubai fino a Londra ma è sempre rimasto fedele al suo gusto estetico e non hai mai declinato le sue idee in fatto di style.

Foto Lo stile inconfondibile di Giorgio Armani

Era quindi da molto tempo che forse Re Giorgio voleva togliersi qualche sassolino dalla scarpa e l’occasione si è presentata al termine della sua sfilata in chiusura della settimana milanese della moda maschile. Ne ha avute un po’ per tutti Armani, da alcune maison italiane ree di celebrare il cattivo gusto e di rendere di moda ciò che non è credibile da indossare, svilendo l’abbigliamento per l’uomo fino alla critica del sistema moda attuale, dove sono le banche a gestire i brand e dove i proprietari della maison si trovano a dover discutere con dei manager le loro collezioni.

Un Armani al fulmicotone,quindi, che invece per questa Milano Moda Uomo ha tenuto, come d’altronde fa da sempre, a sottolineare il suo stile ed il suo concept di abbigliamento maschile. Colori scuri, molto eleganti, blu, blu notte e soprattutto tanto grigio in tante sfumature da quelle più dark a quelle più chiare. Per un uomo che cerca un eleganza senza tempo con pantaloni che ritornano a mostrare le pinces, scarpe classiche, stringate o mocassini.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017