Excite

New York Fashion Week: best of collezioni P/E 2012

Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)
Il mondo della moda allontana lo spauracchio della crisi creando nuove tenedenze - apprezzabili o meno - che propone sulle passerelle e, forse, solo il nome prestigioso di designer e maison giustifica alcuni eccessi, tramutandoli in trend. Ma cosa è andato in scena durante la fashion week di New York, che ha presentato le collezioni uomo per la primavera estate 2012? Andrew Buckler ha celebrato gli anni Ottanta partendo dalla scelta dei modelli, tutti 'spallati' e 'molto americanizzati'. Y3 di Yoji Yamamoto prende spunto dallo ska per il completo a scacchi e per il total look nerd nerd che ama le lettere dell'alfabeto bianche su fondo nero. Tommy Hilfiger e Lacoste, in un mare di eccessi, rimangono, come sempre, nei confini del buon gusto: fantasie, righe, i basici beige e bianco, e tantissimi colore per il primo; completi con pantalone lungo e corto accesi di blu, opppure proposti in white e verde militare, per il seocndo. Anche DKNY Men, con i suoi completi declinati in grigio, incontra il gusto del pubblico. Forse poco azzeccata la scelta di abbinare i capi top dell'eleganza con scarpe da tennis. (© LaPresse)

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2018