Excite

Dioràjòrg

Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.
Christian Dior cambia decisamente stile, almeno a giudicare dalla collezione uomo primavera estate 2012 appena presentata alla Paris Fashion Week. Dopo il licenziamento, obbligato del turbolento e indifendibile John Galliano, direttore creativo della linea donna, la griffe francese punta per la prossima stagione calda su un uomo dallo stile molto minimal con forme e colori discreti, forse anche troppo. Tantissime le proposte che ripropongono il classico bianco e nero. Vediamo insieme le caratteristiche principali della collezione, che potete vedere in fotogallery. Lo stilista Kris Van Aasche, direttore creativo di Dior Homme dal 2007, rende il completo giacca e pantaloni quasi una rigida uniforme che, nell’accostamento bianco e nero, sembra quasi un abito religioso. Difficile non pensare, grazie anche agli accessori come il cappello, agli Amish… Nonostante non si tratti della mia collezione preferita bisogna ammettere che il designer belga, a soli trentacinque anni, ha saputo realizzare una collezione che non esce dal sentiero del look classico e lo ripropone con il suo stile personale che abbiamo imparato a conoscere dalle ultime sfilate del brand.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017