Excite

Claudio Marchisio: calcio e omosessualità, intervista a L'Uomo Vogue

  • L'Uomo Vogue - infophoto

Un argomento tabù quello riguardante il calcio e l'omosessualità, come se le due cose non potessero convivere, un silenzio omertoso per anni ha coperto l'argomento, ma oggi finalmente se ne parla e si scopre una sempre maggiore volontà di superare questi 'limti' dettati dal cameratismo e dall'ignoranza. A parlarne è anche Claudio Marchisio, intervistato in esclusiva per L'Uomo Vogue: "Personalmente, sono d’accordo sui matrimoni tra persone dello stesso sesso".

Cesare Prandelli, icona di stile fra i Ct d'Italia, le foto

E il racconto prosegue: "Il nostro ambiente, in effetti, sull’argomento è un po’ ingessato. Se uno esce dal posto di lavoro per mano al proprio compagno per fortuna non fa più scalpore; all’uscita da un campo di allenamento, invece, la scena non si può immaginare. E non è giusto. Sull’adozione dei figli, invece, istintivamente trovo più indicate le figure tradizionali di un uomo e di una donna. Provo a pensare all’equilibrio necessario ai ragazzi, ma è un tema complicato. Non è che si possa sostenere che una coppia eterosessuale sia per forza in grado di dare più amore a un bambino". Non poteva mancare il punto di vista del calciatore sulla formazione per gli Europei 2012: "Prandelli ha puntato forte sui giovani senza rinunciare a qualche esperto puntello. Ci sono persino ragazzi come Ogbonna, che arriva dalla B, o come Borini, da poco alla Roma. Un torneo lungo come questo ha molte incognite e, proprio come a un Mondiale, sarà da subito difficile.

Spagna a parte, anche le altre due del girone sono brutte clienti; soprattutto l’Irlanda del Trap, che è già riuscita a metterci in difficoltà. Non diamoci obiettivi minimi: potrò dirmi soddisfatto soltanto se arriveremo in finale. In quanto ai favoriti, con i detentori iberici indicherei i tedeschi". E di Balotelli cosa pensa? "Mah, ormai chiunque cerchi a tutti i costi il titolone ci prova con Mario. Talvolta lui commette ingenuità, quasi dà l’impressione di non aver tanta voglia di diventare adulto. Nessuno però scrive mai che è, prima di tutto e per davvero, una persona buona. Ma noi lo sappiamo…".

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017